Biografia

Bibliografia

Testi online

Perseo Ente Morale

Arte

Link

Contatti

Attività didattica

Arte-Terapia

Saggi

Galleria fotografica


Il metodo Perseo
La trasposizione analogica del mito di Perseo, e degli strumenti atti a decapitare l’immagine della fissazione (Medusa) ed a trasformarla in un cavallo alato (Pegaso), pone una base teorica di tipo analitico (immaginale) a questo metodo di lavoro.
Utilizzando psicomotricità, bioenergetica, tecniche di rilassamento orientali ed occidentali, psicoterapia immaginale ed artherapy, il metodo Perseo interviene sull’intera struttura psicosomatica dell’individuo in difficoltà, permettendogli una maggiore conoscenza e padronanza sia del proprio corpo che delle dinamiche psicologiche che ad esso fanno riferimento.
La possibilità inoltre di sperimentare stati modificati di coscienza (senza l’uso di sostanze psico-attive) e di apprenderne le modalità di una loro autogestione ed autoregolazione, permette, agli individui coinvolti, una ridefinizione dei propri limiti, così come dei propri bisogni e delle modalità atte a soddisfarli.

Il rilassamento psicosomatico
Un metodo per affrontare la nevrosi e lo stress
L’uso delle tecniche di rilassamento ha assunto ai nostri giorni le caratteristiche di una vera e propria psicoterapia che, attraverso la decontrazione delle differenti parti del corpo e la loro unificazione, mira alla riduzione delle tensioni psichiche.
Per quanto ci riguarda ci piace parlare di rieducazione psicotonica mirante all’autoregolazione ed al controllo da parte dell’individuo dei ritmi tonici e vegetativi, permettendo una ricarica del potenziale energetico con conseguente arricchimento delle facoltà percettive e immaginative.
L’aspetto rieducativo che mira all’autoregolazione è evidenziato dal fatto che, dopo il rilassamento, l’iperteso come l’ipoteso raggiungono entrambi un punto d’equilibrio.
Il controllo del tono diventa una strada per controllare le emozioni e poter quindi utilizzare al meglio le espressioni gestuali e mimiche nel rapporto con gli altri.
Riequilibrare la relazione tonico-emozionale permette di rendere all’individuo un corpo che agisce consapevolmente; capace di liberare le potenzialità psichiche o fisiche imprigionate da una sindrome di tipo psicologico o psicosomatico.